Crea sito
Seleziona una pagina

Che cos’è la cistite?

La cistite è un infiammazione della vescica dovuta per lo più a un’infezione batterica,causata dal proliferare dei batteri escherichia coli nel tratto urinario.Ne soffre circa il 40% delle donne in età fertile ed è accompagnato da dolore, bruciore quando si fa pipì e sensazione di dover urinare spesso.Colpisce di preferenza le donne perché, rispetto al sesso maschile, hanno l’uretra molto più corta e questo favorisce l’ingresso dei microrganismi nelle vie urinarie.I batteri risalgono l’uretra arrivando alla vescica, dove si moltiplicano causando infiammazione e dolore.

Prima di vedere come curare la cistite, cerchiamo di capire quali sono i sintomi che ci consentono di identificare questa particolare infezione.

 

Generalmente i sintoni più diffusi e comuni sono:

  • Bruciore alla minzione
  • Febbre
  • Aumento della frequenza della minzione
  • Dolore molto intenso
  • Tenesmo vescicale

 

Come curare la cistite?

Quando i sintomi della cistite si presentano per la prima volta, è necessario rivolgersi subito al medico che, dopo avere valutato la presenza dell’infezione, tramite un antibiogramma,potrà prescrivere la terapia antibiotica più adatta. La scelta del principio attivo e della modalità di somministrazione spetta in ogni caso al medico. Gli antibiotici più usati sono: fluorochinoloni (per tre giorni) oppure cotrimossazolo (per cinque giorni). In alternativa: nitrofurantoina (per sette giorni) o fosfomicina trometamolo in un’unica somministrazione. In aggiunta alla terapia con antibiotici è sempre consigliabile seguire alcune semplici regole che aiutano la guarigione e che possono prevenire eventuali ricadute. Innanzitutto è necessario bere molto. È vero che, quando il dolore durante l’atto di fare la pipì è elevato, introdurre più liquidi può causare maggiore disagio per l’aumento della quantità di urina da eliminare, ma bere almeno 2 litri al giorno di acqua o tisane serve sia a diluire i batteri, contrastandone la moltiplicazione, sia a favorirne l’eliminazione e a ottenere un “lavaggio” delle vie urinarie. Anche rendere le urine meno acide aiuta a eliminare i batteri e a calmare i sintomi. Un cucchiaino di bicarbonato di sodio in mezzo bicchiere d’acqua, due o tre volte al giorno può quindi essere di aiuto. Applicare una borsa dell’acqua calda sulla pancia può ridurre il dolore; quando, però, questo è particolarmente forte si può fare ricorso a farmaci analgesici da banco, i cosiddetti Fans

.Se nonostante queste misure i sintomi persistono per più di due o tre giorni, è necessario consultare il medico.

Come prevenire la cistite?

 

Ai pazienti che soffrono di cistiti rìcorrenti va detto che è possibile prevenire tale disturbo con un adeguata igiene intima utilizzando detergenti neutri; è consigliabile inoltre utilizzare biancheria intima in fibre naturali non sintetiche e indumenti non eccessivamente aderenti.

Fondamentale inoltre un adeguato apporto idrico di almeno due litri di acqua a giorno e per le donne in particolar modo che sono le più colpite prestare attenzione alla detersione della regione ano genitale dopo aver evacuato.

Prestare attenzione ai rapporti sessuali: eventualmente utilizzare il preservativo e detergere accuratamente le zone intime dopo il rapporto.

Stanchezza e stress possono essere responsabili dell’insorgenza di cistite poiché abbassano le difese immunitarie. Cercare di riposare ed eventualmente integrare l’alimentazione con vitamine e minerali.

 Prodotti Consigliati